Ascolta Radio DARA

Ascolta RADIO DARA

Ultime News

l club per l'UNESCO di Brindisi e il Rotary Club fanno chiarezza sul fenomeno Global Warming

luned́ 16 aprile 2018
l club per l'UNESCO di Brindisi e il Rotary Club fanno chiarezza sul fenomeno Global WarmingA fronte di un altalenarsi di asserzioni e smentite, circa il presunto aumento delle temperature medie del pianeta Terra, determinato non dal ciclico alternarsi di glaciazioni e disgeli (cicli eustatici), bensì dalle attività umane, il club per l’UNESCO di Brindisi e il Rotary Club di Brindisi, intendono fare chiarezza sul fenomeno del Global Warming, considerato che il repentino riscaldamento del pianeta è destabilizzante per la vita sulla Terra. Piante ed animali hanno impiegato tempi lunghissimi per adattarsi ai vari climi che mutano al variare delle latitudini, climi che oggi risultano profondamente alterati. Il riscaldamento della Terra comporta delle conseguenze drammatiche, conseguenze che si ripercuotono pesantemente sullo stesso uomo che avrebbe determinato il riscaldamento della Terra. I due Club hanno organizzato questo convegno con l’obiettivo di fare chiarezza sulla spinosa questione “riscaldamento globale: mistificazione mediatica o realtà?”, invitando a relazionare il Dott. Domenico Macaluso, ricercatore U.E. Progetto Discovery Magna Graecia e responsabile scientifico, settore Mare, del WWF Sicilia, Area Mediterranea. Il ricercatore siciliano è da molti anni impegnato nel monitoraggio di un’area del Mediterraneo a sud-est dello stretto di Sicilia dove i fondali sono interessati da fenomeni geologici che rendono instabile questo tratto di mare. Il monitoraggio delle temperature di queste acque, protratto per oltre 10 anni, consente oggi di potere avere dei dati inoppugnabili, sull’effettivo riscaldamento del Mediterraneo, un aumento di temperatura che si accompagna alla diminuzione dell’ossigeno disciolto nel mare e ad un aumento dell’acidità delle acque, alterazioni che stanno comportando una modifica della biodiversità, con la scomparsa di animali marini presenti nelle nostre acque da migliaia di anni e l’arrivo di specie tropicali. A controbattere i negazionisti climatici, che accusano gli scienziati di manipolare i dati per rallentare lo sviluppo industriale, nel corso di questo convegno verranno presentati non solo dati ma anche immagini esclusive dei fondali del Mediterraneo. L’umanità ha raggiunto un terribile primato: è diventata una forza geologica, in grado di interferire sull’inizio della prossima era glaciale: per definire questa epoca geologica, nella quale l’attività umana è in grado di condizionare il clima della Terra, il 29 agosto del 2016, nel corso dell’International Geological Congress, scienziati di tutto il mondo hanno coniato il termine di Anthropocene.

Aderiscono all’iniziativa l’associazione Italia Nostra sez. di Brindisi e la Fondazione Tonino di Giulio di Brindisi, che avrà luogo sabato 21 aprile alle ore 18.00, all’Hotel Internazionale di Brindisi.



 
Condividi su
Partners